Stato dei lavori – Nevegal

21 Dic 2012

maxAbbiamo scambiato quattro chiacchiere con Massimo Delle Donne, appartenente al Gruppo scout F.S.E. di Polpet 1, presidente della Cooperativa scout “San Giorgio” dal 2007 al 2010 e gestore della Casa Nevegàl dal 2009. Buona lettura.

Partiamo dall’inizio. Come è “nata” la Casa Nevegàl?

Il Santuario “Maria Immacolata Nostra Signora di Lourdes” nel 2009, grazie anche all’interessamento di don Piero, ha ceduto in comodato la struttura alla Cooperativa scout “San Giorgio”, di cui io ero Presidente in quel periodo, ad uso di attività educative e ricreative e come servizio di ricovero per sacerdoti. Dal marzo 2009 il Distretto di Belluno- Trentino Alto Adige ha iniziato ad utilizzare la casa con Uscite di formazione capi, Campi di orientamento e poi Vacanze di branco, etc.

E poi?

Poi altri gruppi esterni al Distretto (scout FSE, Scout AGESCI, Gruppi parrocchiali, Gruppi di famiglie, etc) hanno conosciuto la Casa, su indicazione anche del Santuario e abbiamo dovuto far fronte a molte richieste. Abbiamo sempre cercato comunque di agevolare i gruppi del nostro Distretto, perché la Casa è nata con questo scopo.

Se dovessi stimare quante persone hanno soggiornato nella Casa in questi 4 anni?

Ah, penso che il numero potrebbe avvicinarsi a 500 persone…

E quanti viaggi hai fatto tu (completamente gratuiti!) per i sopralluoghi con gli ospiti, per la manutenzione, per le emergenze, per curare i rapporti con il Santuario (e con i vicini!), etc?

Anche in questo caso molti, mi è difficile fare un calcolo, potrei dire oltre 3000 km!

nevegal_maxMax, ma chi te lo ha fatto fare?

Vedi, io ho sempre avuto davanti l’obiettivo della Cooperativa, cioè il sostegno e sviluppo dello scautismo, soprattutto nel nostro Distretto: per questo quando raccolgo per esempio le quote di un campo, mi piace sempre pensare che quei soldi serviranno, per esempio, ad un’attività di formazione dei nostri Clan e Fuochi, piuttosto che al trasporto delle Coccinelle che partecipano ad un incontro nazionale, e così via.

Inoltre la Casa è utilizzata spesso dalle nostre Squadriglie per le loro uscite, e anche dalla Cooperativa per creare momenti di aggregazione per esempio tra famiglie. Naturalmente credo sia un bel servizio anche per i gruppi “esterni” quello di poter affittare una casa in un posto così bello e comodo.

A questo proposito, vorremmo concludere la breve intervista elencando due “pregi” e due “difetti” della Casa…

I pregi sono senz’altro la location (vicinanza al Santuario del Nevegal – 10 minuti a piedi – con il vantaggio dal punto di vista “spirituale” per i gruppi, innumerevoli sentieri e attività sul Nevegal) e la “calda” accoglienza della Casa, con il caminetto, le camere in legno, etc.

Per quanto riguarda i difetti, la location potrebbe esserlo in quanto la Casa si trova in una zona residenziale di case per vacanze e quindi non sono tollerati rumori eccessivi (non è adatta per esempio per Campi di Esploratori/Guide); un altro difetto direi la presenza di due soli servizi igienici!

Ringraziamo Max per quanto ha fatto in questi anni da solo; dal 2013 sarà affiancato da un team, per poter dividere l’impegno della gestione della Casa Nevegàl.